Cerca
  • Simone Napolitano

6 consigli per aiutarti a personalizzare il tuo contenuto e a segmentare il tuo pubblico

Segmentare durante la pianificazione, personalizzare per la consegna


Raccoglierei i dati di segmentazione per pianificare il vostro calendario di contenuti, restringere il target e capire le complessità del pubblico. La personalizzazione implica l'uso della segmentazione e di altri dati per servire contenuti contestualmente rilevanti alla consegna.


Senza capire la segmentazione del pubblico, non si può ottenere una personalizzazione corretta. Per esempio, Netflix utilizza algoritmi di apprendimento automatico per segmentare la propria base di clienti, poi personalizza la consegna dei contenuti mostrando contenuti raccomandati basati sull'idea che se ti è piaciuto X, allora probabilmente ti piacerà Y. Il sistema crede che ti piacerà Y perché le persone all'interno dei tuoi stessi segmenti hanno apprezzato anche X e Y.


Usare regole e tag per evitare il sovraccarico manuale


La segmentazione è qualcosa che avviene quando si preparano le risorse di marketing - l'approccio go-to-market, i vari canali di distribuzione e, infine, le destinazioni o le esperienze a cui si invia il pubblico.


L'elemento di personalizzazione è davvero dove questo inizia a prendere vita per l'acquirente. Quando questo accade, è possibile introdurre la personalizzazione in modi semplici come conoscere il loro nome fino a fornire il contenuto che qualcuno sta cercando in quel preciso momento.


È difficile pensare di personalizzare manualmente ogni singolo acquirente, uno alla volta. Ecco perché hai bisogno di regole di segmentazione. Quando puoi applicarle attraverso i tag di contenuto, puoi iniziare a pensare di abbinare tutto insieme.


Investire in infrastrutture per scalare il riutilizzo dei contenuti per una personalizzazione efficiente


La personalizzazione dei contenuti e lo scaling del content marketing hanno lo stesso problema: il bisogno di sempre più contenuti per soddisfare il desiderio sempre crescente di attenzione del cliente. Questa soluzione è il riutilizzo dei contenuti.


Per riutilizzare i contenuti in modo efficace ed efficiente, è necessario:


Prendere un contenuto di lunga durata e spezzettarlo in piccoli componenti agili e riutilizzabili che siano privi di formato

Creare nuovi contenuti utilizzando componenti piccoli, agili, riutilizzabili e privi di formato

Sviluppare componenti utilizzando le migliori pratiche di scrittura per il riutilizzo

Organizza ed etichetta il tuo contenuto in modo che sia facile da trovare

Costruisci tutte le risorse informative di cui hai bisogno mescolando e abbinando i tuoi componenti

Applicare il formato alle tue risorse informative al punto di pubblicazione

Hai anche bisogno di un'infrastruttura che supporti l'authoring basato sui componenti e il single-sourcing. Riutilizzare lo stesso contenuto per nuovi e diversi deliverable fa risparmiare tempo e denaro, e ti permette di personalizzare il contenuto e di scalare allo stesso tempo.


I dipendenti sono grandi personalizzatori


Personalizzazione significa che dovete inviare comunicazioni di marketing a persone reali da altre persone reali. La personalizzazione non è un approccio automatizzato per far finta che vi importi dei vostri potenziali clienti.


Ecco perché crediamo che l'attivazione dei dipendenti sia il futuro del marketing. Incoraggiate i vostri dipendenti ad essere attivi sui social, a creare contenuti, a condividere ciò che sanno e a connettersi con persone reali. Questo è l'unico modo per ottenere una personalizzazione che funzioni per attrarre i migliori dipendenti e nuovi clienti alla tua azienda.


Segmentare per risuonare - e misurare l'impatto


In uno studio di Contently che abbiamo appena pubblicato, solo il 56% dei marketer ha detto di aver creato contenuti personalizzati con specifiche personas di pubblico in mente. Questo numero è preoccupantemente basso. Se vuoi sfondare, devi avere una persona specifica in mente quando crei contenuti.


Devi conoscere il tuo pubblico dentro e fuori. Parlare delle loro sfide, bisogni e opportunità. E idealmente, dovresti sfruttare una piattaforma di content marketing che ti permetta di etichettare ogni pezzo di contenuto per persona, misurare quanto bene il tuo contenuto stia funzionando con ogni gruppo target, e ottimizzare il tuo programma di conseguenza.


Personalizzare per il successo dell'ABM


Una strategia iper-personalizzata può essere un game-changer per un programma di account-based marketing. L'individuo dovrebbe sentirsi come se stesse ricevendo tutte le risposte di cui ha bisogno - quasi come se avesse un personal shopper. Dovrebbe sentirsi come se voi foste lì per loro in ogni parte del loro viaggio.


Le aziende devono stare attente a non dirigersi verso il sentiero oscuro e raccapricciante, tuttavia. Se sono sul tuo sito e non hai parlato con loro prima, non si tratta di mostrare loro che sai chi sono. Si tratta di ascoltare e sfruttare i segnali giusti e mostrare loro un valore personalizzato.


Puntate sulla personalizzazione dinamica, ma non rendetela troppo complessa


Sia la personalizzazione che la segmentazione brillano quando sono dinamiche e rispondono al viaggio del cliente. Una certa segmentazione statica, come la creazione e la distribuzione di contenuti per persona, è utile (specialmente se le personas sono solide e aggiornate). Ma, in definitiva, la personalizzazione in tempo reale basata sul comportamento del cliente sarà ancora più efficace perché è tempestiva, individualizzata e iper-rilevante per ciò che la persona sta cercando in quel momento.


Una potenziale insidia sia della personalizzazione che della segmentazione è la tentazione di diventare troppo complessi. Con modi apparentemente infiniti per affettare e tagliare i dati del pubblico, le iniziative di content marketing possono diventare iper-personalizzate e confondere le acque nel valutare quale personalizzazione è più efficace. È meglio iniziare in modo semplice e scegliere uno o due criteri più importanti su cui concentrarsi.




0 visualizzazioni0 commenti